Chissenefrega

“Chissenefrega!”

Chissenefrega In questo periodo sono particolarmente riflessiva, sono fasi della vita, cambiamenti che ci portano a formulare pensieri specifici nei confronti di alcuni argomenti. Tra i tanti ho pensato alla parte motivazionale del ruolo di blogger ed è con questo post che vorrei salutarvi prima della pausa estiva. Seguendomi su Instagram e Facebook vi porterò volentieri via con me!

WP_20160803_22_10_38_Pro (2) Osare. Ce lo dicono tutti, un bel “chissenefrega” e ci si mette addosso quel che ci pare. Ma nessuno se ne frega realmente. Tutti vogliamo sentirci belli, amati, apprezzati e confortati. La verità è che questo è un espediente, le risorse dobbiamo trovarle dentro di noi. E allora vi racconto una piccola storia.

Acolart_23_47_40 Come sapete io faccio tutto da sola, foto, outfit, parole, così come tante altre ragazze. Una sera volevo mostrarvi la foto di una maglietta che per me ha un grande significato, ma era tardi e faceva caldo, così ho messo il telefono in autoscatto ed ero letteralmente in maglietta e mutande! Le foto sono venute bruttine e quindi non le ho postate. Ma due giorni dopo sfogliando la galleria del telefono le ho ritrovate scoprendo che in fondo le mie gambe non sono così terribili, sapete che cos’ho fatto? Ho comprato una tutina da Mango che metterò in vacanza.

WP_20160803_22_07_05_Pro (2)_1470256685_1470256730 Ho scelto di osare perché ho trovato dentro di me due pensieri. Oggi non tornerà più. Siamo troppo critici con noi stessi. Quando ero in USA avevo un paio di pantaloncini bianchi, li ho messi diverse sere, sapete perché? Non mi sentivo quella da guardare. Le cosciotte le avevano tutte e faceva caldo, ottimo motivo per indossare un paio di pantaloni corti, la stessa cosa è accaduta a una mia amica in Brasile.
E allora qual è il punto? Il giudizio degli altri. Forse le vacanze sono un buon momento per pronunciare il famoso “chissenefrega” e indossare quel che si vuole, il mio obiettivo è di far pace con le mie zampe, che belle o brutte che siano sono le mie e prima ci faccio pace e prima potrò passare a un pensiero diverso, tanto quelli non mancano mai!